Benvenuti ai Chorrones. Ideale per ogni tipo di pubblico, E 'particolarmente indicato per i bambini, intorno perché possono giocare e correre senza che vi sia alcun pericolo per loro. X

ambiente

sentieri locali

“Head Peak”. Vista maestosa del villaggio, in fondo alla gola, e la valle del Rio Dulce, da quando ha lasciato la canna di Pelegrina e Aragosa, fino alla foce nel fiume Henares, attraverso i termini di Mandayona e Villaseca de Henares.
nessuna difficoltà. Lungo la strada, direzione Argecilla e, quando raggiunge la pianura, sempre prendere il sentiero sulla sinistra. Circa due ore andata e ritorno. Si può anche guidare e raggiungere quasi lo stesso picco.

“Rio Dulce Canyon”. su 3 km. de Mandayona, si raggiunge il villaggio di Aragosa, da dove la marcia comincia a Pelegrina, seguendo il corso del fiume e passando per Los Heros (persone già scomparse, dove una parete è un nascosto tra i rovi) e La Cabrera.
Alla fine si può visitare “BALCONE Rodriguez de la Fuente”, da dove si possono vedere le cascate che formano la Gollorio burrone che va dalle alture del canyon ALCARRIA, molto vicino a Pelegrina.
In questo modo abbiamo trovato una grande colonia di avvoltoi, ed è nulla di strano che si può vedere alcuni cervi e un cinghiale sul tratto di Aragosa a La Cabrera.
Difficoltà nel tratto finale di superare la canna. A questo punto si può anche fare in bicicletta. su 14 km. marcia, circa 4 orario. E 'quasi indispensabile per lasciare un auto alla fine, Balcone con Rodriguez de la Fuente, per il ritorno.
Un'altra possibilità è quella di farlo in due giorni: Un tratto Aragosa La Cabrera, andata e ritorno, nessuna difficoltà, e un altro giorno sezione di La Cabrera fino alla fine, anche restituire.

TURISMO CULTURALE
Di particolare interesse sono le formazioni storiche e artistiche di Atienza, calore, Molina de Aragón, Brihuega, Cifuentes, Cogolludo, Palazuelos, Sigüenza, Medinaceli. Musei come il Paleontologico SAN BARTOLOMEO, Atienza; MUSEO viaggio al ALCARRIA, Torija; MUSEO D'ARTE ANTIGÜO diocesano, Siguenza, e castelli di Atienza, Sigüenza, Jadraque y Torija. mencinar anche la casa, a Alcolea del Pinar.

EL CAMINO DEL CID

E si rompono l'alba e la mattina è venuto;
il sole, Dio, che bella indicò!
Castejon, tutto rosa;
aprire le porte, Saltano fuori Gave
per vedere i loro campi e tutti i loro raccolti.
(cantare, 456)

Castejon de Henares, con categoria VILLA – conserva ancora la corte Rollo -, forse il cidiano villaggio quintessenza. Qui era dove, secondo il Cantar de Mio Cid, fatto il primo “insediamento” al di fuori del Regno di Castiglia e da dove suo cugino e luogotenente, Alvar Minaya Fáñez, ha lasciato “calore, Guadalajara a Alcala”, da dove è tornato con una fortuna. Nel frattempo EL CID “Castejon ha preso il suo oro e argento”.

“O SAY Castejon,
QUALE E 'su FENARES,
Mio Cid giaceva sul CELADA
CHI porta con sé”
(cantare 435-436)